La “Casa dei Colori” di Paterno

La “Casa dei Colori” di Paterno di Lucania (PZ) è un centro di prima accoglienza per immigrati minorenni non accompagnati. Attivo da circa due anni, ha sede all’interno di un’ex scuola primaria della periferia del paese ed ospita circa quindici ragazzi di sesso maschile provenienti da diversi Paesi africani.

La struttura è stata adeguatamente ristrutturata per ricavarne un alloggio completo di tutto il necessario, tale che i ragazzi possano viverci, dormire e mangiare senza doversi spostare dalla struttura

La Casa dei Colori si impegna a preparare i giovani a diventare uomini che sappiano cavarsela da soli al di fuori di essa, in circostanze per loro nuove e sconosciute. Infatti, la permanenza all’interno della struttura è garantita soltanto per un periodo di tempo limitato: solo ragazzi minorenni raggiungono il centro nella cui struttura, compiuti i 18 anni, hanno diritto ad altri 6 mesi di ospitalità per prepararsi a scegliere ognuno la propria strada: alcuni scelgono di trasferirsi all’estero, ma il desiderio della maggior parte di loro è di rimanere in Italia.

Perciò, continuamente, nuovi ragazzi vengono accolti in struttura, mentre i più grandi vengono indirizzati verso il loro futuro altrove.

I ragazzi dimostrano entusiasmo nei confronti del loro soggiorno a Paterno e delle figure che ruotano attorno alla Casa dei Colori. Partecipano infatti al progetto numerose persone, prime fra tutte i tutori, che fungono da genitori per i ragazzi; vi sono poi gli operatori sociali, che aiutano e fanno compagnia ai ragazzi assieme ai tirocinanti ed ai volontari ISKRA; i mediatori culturali fungono da accompagnatori e da tramite tra i giovani accolti e gli operatori a livello culturale, essendo la cultura africana e quella italiana profondamente differenti; infine gli psicologi analizzano le necessità ed i problemi dei ragazzi.

Per i ragazzi la giornata comincia alle 8:30 circa, quando, dopo aver fatto colazione, partecipano a delle lezioni di alfabetizzazione e svolgono attività sportiva. Alcuni di loro frequentano la scuola secondaria di primo grado a Paterno, altri di secondo grado in paesi limitrofi dotati di strutture scolastiche pronte ad accoglierli.

Successivamente gli operatori cucinano e si pranza tutti insieme.

Nel pomeriggio gli ospiti prendono parte a varie ettività ricreative: un laboratorio musicale (in cui i ragazzi suonano il tamburo tipicamente africano Jembe), doposcuola, sport ed un corso di giornalismo tenuto dai membri dell’Agape News.

La cena, anch’essa a cura degli operatori, viene preparata con l’aiuto dei ragazzi mescolando la cultura culinaria italiana a quella africana.

Alcune volte i ragazzi partecipano alle attività del centro diurno di Villa d’Agri, ed hanno svolto delle uscite per visitare i paesi limitrofi a Paterno e le vicine città di Potenza e Salerno.

Alcuni giovani lavorano, e tre dei ragazzi hanno fatto un provino per entrare a far parte della squadra di calcio di Manfredonia.

I ragazzi hanno anche partecipato alle attività sportive riguardanti il Torneo della Madonna prendendo parte a più squadre miste, una delle quali è stata la vincitrice, così uno di loro ha portato in spalla la statua della Madonna in processione assieme ai compagni di squadra, pur essendo egli musulmano.

 

Allo stesso modo, pur essendo quasi tutti musulmani, i ragazzi hanno partecipato ad un evento religioso domenica 10 gennaio 2016 presso la Chiesa di Viggiano assieme al Vescovo, ed uno di loro ha preso la parola per ringraziare la curia; dopo la messa hanno pranzato insieme.

Inoltre, alcuni operatori stanno raccogliendo le storie dei ragazzi per farne un libro: il loro viaggio dall’Africa all’Italia passando per la Libia ed il deserto, che presenteranno non appena il lavoro sarà completato.

Chiunque voglia passare del tempo o svolgere delle attività con gli ospiti della Casa dei Colori può proporsi contattando la redazione dell’Agape News

 

Si ringrazia Pape Gora Tall per le importanti informazioni fornite per la stesura dell’articolo.

Alessandra Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...